“La Bellezza non ha causa. Esiste. Inseguila e sparisce. Non inseguirla e rimane”. – così rifletteva la scrittrice Emily Dickinson in merito a questa qualità o valore, come meglio vogliamo definirla, che tutti noi involontariamente, ogni giorno, inseguiamo.

Ma come si può davvero definire una donna dotata di grande bellezza?

Non è la perfezione a fare bellezza ma sono proprio le imperfezioni a dare il giusto tocco per valorizzare persone e personalità. Il più delle volte è un lato debole, un’espressione caratteristica, un dettaglio che rendono una persona imperfetta molto più affasciante di un perfetto naso alla francese. Dubbi? Proviamo a pensare al naso di Gisele Bunchen che non è assolutamente il suo punto forte, ma le dona un’ espressione nel complesso positiva, arricchita da un corpo longilineo e dotato di una preziosa naturalità che rende questa ragazza una vera dea. Quindi non demordete, non bastano un lato B perfetto o un decolleté strepitoso!

Certo, anche l’occhio vuole la sua parte, ma la vera arma vincente è l’appeal. Che è un condensato tra la nostra personalità, il nostro modo di essere, il nostro sorriso, il nostro stile. E quando queste combinazioni sono uniche, ci rendono più belle, arricchite dalla nostra intelligenza e cultura.

Essere sè stesse è il primo passo per avere un grandissimo appeal. Ci rende anche più sicure nella vita di tutti i giorni, nelle nostre scelte, nel nostro modo di rapportarci con il resto del mondo. Fingere è il modo più semplice per trovare infelicità e insicurezza e questo non fa che acuire i nostri punti deboli e distruggere quelli forti.

Quando farsi belle? Sempre, soprattutto per noi e non solo per gli altri: perché quando ci mettiamo del nostro, noi diventiamo irresistibili!

Il vero ingrediente magico per essere belle? La vera bellezza è la luce nel cuore…

Be yourself!

Comments are closed.